Viaggi in bici in Italia: i migliori itinerari e le regioni bike friendly

Viaggiare in bici in Italia è possibile? Certo che sì, anzi, è una scelta che ti farà godere il territori del nostro paese in modo unico, osservando dettagli territoriali e paesaggistici che non vedresti in nessun altro modo.

La prima buona e forse inaspettata notizia è che l’Italia è piena di itinerari ciclistici che consentono di attraversare più regioni e a fine post ti indico anche dove trovarle e come scaricare le mappe di questi percorsi.

In questo articolo ti indicherò

  • Fantastici itinerari da percorrere in bici in Italia, da Nord a Sud e isole
  • Quali regioni hanno più piste e itinerari ciclabili
  • Quali regioni hanno investito molto in questa direzione e che quindi dobbiamo premiare nelle nostre scelte di destinazione e consumo.

Itinerari in bici in Italia: una selezione dei più importanti

fast travel sostenibile_muoversi in bici e a piedi
Muoversi in bici è un modo per rendere i nostri viaggi più sostenibili

Da Trieste a Santa Maria di Leuca (Puglia) con la ciclovia Adriatica.

I due estremi del versante adriatico del nostro paese sono uniti da un percorso ciclistico che attraversa gli scenari più insoliti, inattesi e che ci può insegnare quello che a scuola non ci hanno, forse, detto.
Ad esempio, lo sai che questo percorso che attraversa 7 regioni su 1300km era anche detto “via dell’Ambra”, per via del minerale presente nel sottosuolo (e che termina nell’area baltica)?

Questa pista ti porterà lungo un litorale incredibilmente variegato e bello.

Da Ventimiglia a Latina con la ciclovia Tirrenica

Più breve, lungo circo 840 km di bellezza, si stende e si sviluppa la ciclovia Tirrenica, sull’altro versante della penisola.
Dal confine con la Francia, il panorama delle Alpi Marittime dalla bici è ancora più intenso!
Scendendo lentamente verso il Lazio e attraversando Liguria e Toscana, l’impatto maggiore è la diversità delle tipologie di alberi: percorrendo questo tratto ti renderai conto di quanto il concetto di “macchia mediterranea” sia mutevole, e contenga un’infinita biodiversità.
Poi… vuoi mettere le varietà di vino e cibo di qualità in cui ti imbatterai lungo questo tragitto? (Si sa, il movimento fa venire fame).

Rimini in bicicletta è un'ottima idea.
Rimini

Ciclovia Aida, per attraversare le regioni del Nord Italia

927 km che attraversano Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, con tratti di particolare interesse e bellezza come la ciclovia che unisce il Lago di Garda a Venezia.
Il percorso, nel dettaglio, unisce Susa a Trieste. Si tratta anche in questo caso di due sponde opposte della penisola, che mostrano mille aspetti dell’identità italiana che passano anche attraverso il paesaggio.

Sardegna e Sicilia, scenari imperdibili su due ruote

bici sulla spiaggia_itinerari in bici in italia

Negli ultimi anni Sicilia e Sardegna si sono spese moltissimo per la realizzazione e promozione, tra turisti e autoctoni, degli itinerari ciclabili.

La Sardegna vanta ben 2600km di itinerari adatti al ciclo turismo (non necessariamente ed esclusivamente piste ciclabili) che possono essere facilmente trovate attraverso una App e mappa interattiva.
I percorsi che si snodano lungo questi 52 itinerari attraversano borghi, parchi nazionali e tre siti Unesco e ovviamente anche tante meravigliose siate sarde (ben 250).

In Sicilia è possibile andare in bici da Palermo ad Agrigento, scoprendo non solo le due meravigliose città ma anche le aree extraurbane che le dividono. Un altro percorso molto amato dai ciclisti è il percorso della Magna Via Franchigena, che si dirama tra borghi, montane e percorsi storici.

Se le regioni con più km di piste ciclabili in Italia sono Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, Sicilia e Basilicata sono le regioni in cui negli ultimi anni è aumentato di più il numero di chilometri dedicati alle due ruote.
Una delle più lunghe ciclovie turistiche che attraversano la Basilicata parte dalla Campania (Caposele) e arriva a Santa Maria di Leuca e segue tutto l’itinerario dell’acquedotto Pugliese. Tuttavia, buona parte del tuo tratto intermedio passa in Lucania, come tutto l’acquedotto del resto.

E se la ripartenza del turismo in Italia partisse proprio dalle due ruote e dal turismo sostenibile?


30 pensieri riguardo “Viaggi in bici in Italia: i migliori itinerari e le regioni bike friendly

  • Maggio 24, 2020 in 3:10 pm
    Permalink

    Ammiro molto chi prende la bici e parte. L’ultima volta che l’ho utilizzata per un lungo giro è stato ahimé moltissimo tempo fa. Ora non saprei proprio da che parte cominciare

    Rispondi
  • Maggio 23, 2020 in 9:15 pm
    Permalink

    Io non sono un tipo sportivissimo ma prendersela con calma e girare in bicicletta per andare da un posto all’altro ti fa vedere e conoscere paesaggi che altrimenti non si vedrebbero.

    Rispondi
    • Maggio 27, 2020 in 7:18 am
      Permalink

      La cosa meravigliosa della bici è che non serve essere sportivi per amarla. Si adatta benissimo anche alle anime “contemplative” come noi 🙂

      Rispondi
  • Maggio 23, 2020 in 5:41 pm
    Permalink

    Ero alla ricerca di un modo originale per viaggiare in Italia ed ecco che mi imbatto nel tuo articolo. Viaggiare a bordo di una bicicletta, nel mio caso rigorosamente elettrica, e scoprire l?Italia,. Devo ammettere che non ne conoscevo nemmeno una, di queste piste ciclabili. Indecisa fra la ciclovia Adriatica o un bel giro in Sardegna.

    Rispondi
  • Maggio 23, 2020 in 1:58 pm
    Permalink

    Ciao bei posti da attraversare in bici peccato che non la so portare, peccato perdere questi scenari da favola

    Rispondi
  • Maggio 23, 2020 in 10:44 am
    Permalink

    L’idea è molto bella, ma devi proprio amare la bici! Io la uso in estate in Versilia per comodità. Ma avrei delle domande pratiche: quanto deve durare un viaggio per arrivare, per esempio da Milano in Puglia? Quanti chilometri puoi fare in un giorno, se fa caldo? Dove dormi, mangi, fai magari un giro a visitare la città? Ci vuole un mese. E il bagaglio? Vero che io non sono una che viaggia leggera, non ce la faccio proprio, ma anche il minimo dove si mette? Per chi ama questo sport va benissimo trovare itinerari adatti, speriamo anche che chi viaggia in auto sia più attento e responsabile verso i ciclisti.

    Rispondi
    • Maggio 27, 2020 in 7:24 am
      Permalink

      La durata del viaggio dipende molto dal viaggiatore e dal suo livello di allenamento. Per altro, è possibile percorrere, ad esempio, l’Adriatica anche senza farla proprio tutta: Puoi prendere due tappe e fare anche un viaggio di soli 4 giorni.
      Lungo le ciclovie ci sono così detti “bike hotel” ma dal momento che molte piste si diramano lungo le città è anche possibile fare soste in normali hotel cittadini.
      per il bagaglio, ovviamente va da sé che il turista su due ruote non è un viaggiatore da trolley di 20 kg per un weekend… Ad esempio, le sacche laterali della mia bici sarebbero perfettamente in grado di contenere un mio bagaglio capsulare di 4 giorni in estate.

      Rispondi
  • Maggio 23, 2020 in 9:58 am
    Permalink

    Ho viaggiato a piedi, mai in bici ed ho sempre osservato con ammirazione i viaggiatori e le viaggiatrici su due ruote. Non escludo di farlo in futuro, ma prima dovrei allenarmi un po’.

    Rispondi
  • Maggio 23, 2020 in 9:32 am
    Permalink

    ahhhhh Santa Maria di Leuca…che ricordi! spero di tornarci anche quest’anno!

    Rispondi
  • Maggio 23, 2020 in 6:30 am
    Permalink

    È un tipo di viaggio che non ho mai preso in considerazione ma adesso che mi ci fai pensare può essere stimolante.

    Rispondi
  • Maggio 23, 2020 in 6:06 am
    Permalink

    Spostarsi in bici è uno dei miei sogni, peccato che il tempo e le situazioni non me lo permettano gran bel viaggio

    Rispondi
  • Maggio 22, 2020 in 8:08 pm
    Permalink

    Mi hai aperto un mondo, non ho mai pensato di fare un viaggio simile, anche perché la mia bici è vintage con dei freni a tamburo e poco affidabili, ma mi procurerò una, magari pieghevole, da mettere in auto nel mio prossimo viaggio in Italia da nord a sud, in auto.

    Rispondi
  • Maggio 22, 2020 in 6:15 pm
    Permalink

    A me piace andare in bicicletta e prima o poi organizzo un bel viaggio lungo in bici magari sulla ciclovia tirrenica, almeno un pezzo! È un bel modo di viaggiare in maniera slow e green e un bel pretesto per fare un po’ di movimento!

    Rispondi
  • Maggio 21, 2020 in 5:39 pm
    Permalink

    Un modo di viaggiare diverso, particolare ma forse migliore per godere appieno i paesaggi che scorrono pedalando.

    Rispondi
  • Maggio 21, 2020 in 6:06 am
    Permalink

    Spostarsi in bici è una filosofia di vita. Poter viaggiare usando come unico mezzo le proprie forze è tanto spettacolare quanto gratificante. Un paio di volte a settimana vado a lavorare in bici (sono 42km) e ti assicuro che sono le giornate più produttive di tutte: energia, adrenalina, luce e panorama (i clienti difficili non possono scalfirmi).
    Purtroppo in Italia non siamo molto attrezzati con le piste ciclabili che spesso – nonostante siano considerate tali – si interrompono bruscamente. Chissà che con questi incentivi non si migliori anche questo aspetto, sono certa che ne gioverebbe anche al turismo!
    Ps: consiglio due bellissime ciclovie nelle mie zone Treviso – Ostiglia e l’anello dei Colli Euganei

    Rispondi
  • Maggio 20, 2020 in 11:51 pm
    Permalink

    Ma che bello! devo condividerlo nel mio Fb per i miei amici amanti della Bici

    Rispondi
  • Maggio 20, 2020 in 6:12 pm
    Permalink

    Spostarsi in bici è bellissimo, anche se io personalmente non lo faccio praticamente mai. La bici è un ottimo mezzo di trasporto, ha un sacco di vantaggi: fare attività fisica, salvaguardiare l’ambiente dallo smog delle automobili, evitare il traffico, inoltre da un senso di libertà pedalare per le città.

    Rispondi
  • Maggio 20, 2020 in 3:02 pm
    Permalink

    Che bei paesaggi, girare in bicicletta potrebbe divenire in futuro, il nuovo modo di viaggiare, godersi il panorama in totale relax, senza lo stress dell’auto o di doversi spostare da un autobus all’altro, tra l’altro non inquina e fa anche bene alla salute.

    Rispondi
  • Maggio 20, 2020 in 10:43 am
    Permalink

    Questo modo di viaggiare mi piace moltissimo e vorrei organizzare un itinerario in bici prima o poi quando tornerò in Italia. Ho macinato più di 300km in Toscana anni fa, passando da San Gimignano, Volterra e tanti altri borghi stupendi.. una faticaccia se non sei tanto allenato, ma meraviglioso!

    Rispondi
  • Maggio 20, 2020 in 8:07 am
    Permalink

    Un modo diverso e interessante di concepire il viaggio e la vacanza.

    Rispondi
  • Maggio 19, 2020 in 8:35 pm
    Permalink

    Ho perso l’abitudine di andare in bici poichè abito in una grande città ma quando vado in vacanza uso solo la bici per spostarmi. Cero che di bei itinerari ne abbiamo in Italia, che meraviglia! Ho fatto un piccolo tratto della ciclovia Adriatica, adoro!! – Paolo

    Rispondi
  • Maggio 19, 2020 in 6:03 pm
    Permalink

    L bici diventa la nuova grande opportunità
    Mi piace molto questo nuovo modo di vivere

    Rispondi
  • Maggio 19, 2020 in 1:49 pm
    Permalink

    Tra questi itinerari sicuramenre quello vorrei fare è quello in Sardegna: combina perfettamente il mio amore per la natura selvaggia, i panorami di mare e la mountain bike!

    Rispondi
  • Maggio 19, 2020 in 9:30 am
    Permalink

    Amo molto la bicicletta, mi fa sentire libera, felice e molto serena. Non ho mai fatto questi itinerari così lunghi ma mi piace l’idea che ci siano itinerari adatti per chi pratica questo sport

    Rispondi
  • Maggio 19, 2020 in 7:42 am
    Permalink

    Se solo sapessi andare in bici… l’ho sempre trovata così liberatoria e rilassante, ma le poche volte che ho tentato ho fatto dei voli che me l’ha fatta abbandonare ç_ç

    Rispondi
  • Maggio 18, 2020 in 4:51 pm
    Permalink

    Ho fatto una bellissima giornata in bici sull’Asinara.
    Sono poco abituata ad andare in bicicletta ma comincio pensare che sia una mia mancanza e che davvero mi sto perdendo qualcosa di straordinario!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *