Indicizzare un blog: piccoli errori cui puoi rimediare subito

Indicizzare un blog è un percorso fatto di strategie e regole da seguire, alcune semplici altre complesse. Oggi ti parlo di 3 errori che forse stanno bloccando anche te e di come rimediare.

Ogni giorno leggo e “analizzo” tantissimi blog, sia perché come blogger ritengo sia utilissimo leggere altri blog (cosa che mi piace moltissimo fare), ma anche perché faccio tante consulenze personalizzate per far crescere singoli progetti online.

Mi rendo conto che ci sono dei piccoli errori di inesperienza che vengono fatti da blogger, anche di talento, che inficiano molto nel percorso di indicizzazione.

Adesso ti elencherò alcuni di questi errori, che forse fai anche tu inconsapevolmente, che una volta messi a posto ti possono dare una grossa mano nell’avere più traffico e anche autorevolezza.

come diventare blogger famosa

1 – Occhio alle foto di copertina con “giochi di grafica”

Tra le cose che trattengono più a lungo i lettori sui nostri blog, al netto della qualità dei contenuti, sono l’ordine e la pulizia grafica.
Utilizare troppi font diversi tra menu, corpo del testo, logo ecc. dà un senso di disordine che porta i lettori a non continuare a navigare nella nostra piccola casa online.
In fondo è proprio come quando entriamo in una casa per la prima volta: ci sono quelle che sono così accoglienti da farti pensare “non vedo l’ha di tornare” o “non me ne voglio più andare” e quelle che invece ti respingono o non hanno un valore aggiunto.

Allora, non mettere disordine nella tua casa online ed evita di inserire delle grafiche nelle foto di copertina.

Il titolo del post, per intenderci, lasciamolo solo nel posto preposto per il titolo secondo il template che abbiamo scelto. Questa è una delle prime regole della semiotica del web: troppi font e troppe grafiche affaticano e respingono.

2- Attenti ai sotto menu (menu a tendina)

sabrina seduta sul divano con computer guarda in camera e sorride

Nelle mie consulenze, soprattutto nelle one shot (video lezioni individuali da 90 minuti in cui capiamo insieme gli obiettivi del tuo progetto e le azioni per metterlo in pratica), una delle prime cose che faccio è la “pulizia dei menu”.

I menu a tendina spesso non sono utili, né per il raggruppamento degli argomenti men che mai per l’indicizzazione.

Inoltre oggi navighiamo per lo più da mobile e selezionare i sotto menu è difficile. Quasi mai i lettori che vengono da ricerca organica visitano i sotto menu a tendina anzi… troppi click e troppi passaggi interni mandano via i lettori e questo è deleterio per il tuo indice di rimbalzo.
In pratica, se Google (e i lettori) intercettano che il tuo blog è labirintico, ti penalizza.

3 – I backlink interni messi male, sono pericolosi!

sabrina sul divano con il computer, girata a 3/4, sorride

Questo è un errore che fanno soprattutto i blogger che conoscono le basi della SEO… ma non ne conoscono le altezze.
SEO Yoast o i corsi base di SEO dicono che per aiutare l’indicizzazione bisogna inserire dei link ad altri nostri articoli.

Il punto è che non solo non basta mettere link interni, ma se non messi con criterio rischiano addirittura di essere pericolosi.

Quando metti un link devi tenere a mente il reale intento di ricerca dei lettori. Ad esempio, se scrivo un articolo sui “10 posti dove mangiare a Timisoara” e in questo articolo inserisco il classico “Potrebbero interessarti i 10 posti per mangiare a Budapest”… sto facendo un danno.

Perché chi cerca informazioni su Timisoara non è a Budapest e quel link non sarà cliccato. Google se ne accorgerà e lo riterrà un link debole, un approfondimento non valido e non utile ai lettori e al loro intento di ricerca.

Se pensi di avere bisogno di conoscere tutte le strategie SEO avanzate per l’indicizzazione veloce, contattami. sabrina.barbante[at]virgilio.it
Ho un pacchetto fatto apposta per te, che ti darà accesso illimitato a tutti i contenuti di In My Suitcase club.

One thought on “Indicizzare un blog: piccoli errori cui puoi rimediare subito

  • Ottobre 15, 2020 in 4:30 pm
    Permalink

    Grazie a quest’articolo mi sono accorta di avere un casino di link deboli, il classico ” per altre informazioni puoi scrivermi anche privatamente” e link alla pagina contatti, davvero inutile. Sei preziosa, grazie!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *