Agenzie immobiliari e visibilità online: l’importanza strategica di un blog

Agenzie immobiliari italiane: la digitalizzazione è un obiettivo da perseguire come avviene in USA e UK. Ecco perché

Oggi parliamo di un argomento che, come esperta di content marketing strategico, mi sta molto a cuore, cioè l’importanza di un blog nelle strategie di marketing di un’azienda.

E, nello specifico, oggi mi rivolgo al mercato delle agenzie immobiliari.

È opportuno curare una sezione blog sul sito web della propria attività immobiliare?

blog custom fonts

 C’è chi ritiene questo strumento come obsoleto, poco utile per ottenere un vantaggio competitivo, ma la verità è che se si ha qualcosa da scrivere e la si scrive bene possiamo, anche nel 2020, ottenere degli ottimi risultati, creando valore, autorevolezza e nuovi contatti. Per non parlare del fatto che un blog genera il 30% di conversioni (in questo caso contatti) in più di qualunque social.

In Italia sono presenti all’incirca 45.000 agenzie (un numero davvero importante, superiore a quello di altri paesi europei), ma la loro presenza sul web risulta essere ancora insufficiente. 

Molte agenzie immobiliari ancora basano la propria attività sulla presenza in ufficio e l’affissione di annunci, limitandosi a qualche inserimento in portali largamente commercializzati; quello che ancora non si è compreso a pieno, è che solo sfruttando a pieno le potenzialità del web si ha la possibilità di ottenere un vantaggio competitivo rispetto ad un così gran numero di concorrenti!

Per farlo sono necessari alcuni step:

arredo casa traslochi frequenti
  • possedere un sito web ottimizzato per i motori di ricerca, che possa quindi essere visibile a tutti ed identificabile attraverso la ricerca di una serie di parole chiave;
  • curare maniacalmente il sito web in termini di design ed usabilità. Nel caso dell’agenzia immobiliare è necessario che ci siano schede dettagliate sui vari immobili, con foto di ottima qualità; Inoltre, una trend molto in voga negli USA e in Nord Europa, incredibilmente utile per gli acquirenti, sono i tour virtuali di immobili e proprietà circostanti;
  • avere una presenza social che consenta di comunicare a tutti quello che facciamo quotidianamente. Pensate che solo un 30% degli agenti immobiliari dichiara di avere una pagina Facebook, ancora meno sono quelli che aprono un profilo su Linkedin, siamo intorno al 10% per la presenza su youtube;
  • aprire una sezione blog e curarla periodicamente, con contenuti di qualità ed avendo ben presente l’obiettivo che vogliamo raggiungere.

Curare il blog è quindi importante, soprattutto se sei un’agenzia immobiliare e vuoi distinguerti dalla massa. Ma come lo si può fare al meglio?

Cosa è opportuno valutare per la pianificazione di un blog immobiliare

ragazze di spalle lavorano ad un computer accanto ad una finestra - agenzia immobiliare online_blog

Prima di tutto è opportuno dire che il blog deve essere considerato al pari di una piantina, che per crescere necessita di cure costanti e di essere innaffiata regolarmente. 

Così dovrebbe essere per un blog che ha il fine ultimo di creare autorevolezza e contatti; non possiamo limitarci alla stesura di un articolo ogni 3-4 mesi e sperare di ottenere visibilità, di contro non è necessario scrivere obbligatoriamente ogni giorno, per il puro gusto di scrivere qualcosa!

È opportuno, quindi, ideare un piano editoriale strategico ben preciso, che consenta di programmare una serie di uscite mensili con argomenti selezionati e utili per far crescere il valore del nostro sito. 

Ma cosa sarebbe opportuno fare per rendere performante un blog immobiliare? Ecco alcuni punti che ritengo siano basilari. 

#1: Studiare i potenziali clienti e le loro ricerche

come fare un trasloco
  • Sul web esistono una serie di piattaforme online che consentono di valutare i volumi di ricerca su diverse parole chiave, inoltre è possibile scoprire quali sono le domande che più frequentemente si pongono gli utenti su un determinato argomento (esempio: “come fare una proposta di acquisto immobile”) Una piattaforma usata dalla maggior parte dei professionisti del web è SeoZoom, tool totalmente italiano (a pagamento) che consente di valutare in modo approfondito tutti questi aspetti. 
  • Una buona alternativa è l’utilizzo di Google Trends, con il quale è possibile vedere quale sia la tendenza del periodo per alcuni termini specifici di nostro interesse. 
  • Se proprio non si ha interesse a compiere uno studio di questo genere si può visitare alcuni blog stranieri e prendere spunto (ma attenzione, prendere spunto non vuol dire copiare! I contenuti duplicati sono fortemente penalizzati dai motori di ricerca).

Una volta che si è studiato l’utente e si sa quali sono i suoi dubbi o quesiti, si può scrivere una lista di possibili argomenti che rispondano accuratamente a queste domande; da qui si può pianificare il piano editoriale, calendarizzando le uscite e coprendo un arco temporale ben definito.

Se hai un blog immobiliare o aziendale e hai bisogno di un piano editoriale strategico per attirare nuovi clienti (sabrina.barbante[at]virgilio.it)

#2: Ampliare i nostri orizzonti

porte blindate_ecobonus 2019_green freelancec_christopher-harris-55545-unsplash
ph. Freelancec Christopher, unsplash

È chiaro che l’obiettivo di un blog immobiliare è quello di aumentare i contatti sul sito e trovare nuovi potenziali clienti che richiedano i nostri servizi. 

Ma l’errore da non fare è quello di scrivere solo esclusivamente su argomenti che riguardano il nostro obiettivo principale (ossia promuovere l’affitto o la vendita di un determinato appartamento). 

Una buona strategia è alternare degli articoli che parlano del territorio e sui motivi per cui si dovrebbe acquistare casa in una determinata zona, con articoli che parlano di tematiche più generali, ma sempre inerenti al mondo immobiliare. 

Ad esempio vi segnalo questo approfondimento sulle spese notarili da sostenere quando si acquista casa.
Può sembrarvi a prima vista poco utile, ma racconta un aspetto della compravendita immobiliare molto interessante e poco conosciuto e soprattutto molto cercata da persone che vogliono acquistare casa (quindi il target ideale di un’agenzia immobiliare). Ovviamente, dietro all’articolo ci sarà una strategia di posizionamento ben precisa.

Per un blog immobiliare, essere considerato come una fonte autorevole è tutto! Nel momento in cui verrai considerato come un professionista serio, sarà più facile che ci siano utenti disposti a richiedere i servizi che propone la tua agenzia.

#3: Parlare del proprio lavoro di agente raccontando esperienze dirette

blog agenzia immobiliare su computer

Effettivamente in un blog immobiliare si può parlare di tutto quello che si vuole su questo settore, ma se si vuole coinvolgere realmente la propria utenza è utile parlare anche delle esperienze che si sono affrontate direttamente sul campo e di dare una risposta sensata a quesiti che vengono solitamente posti dai propri clienti. Il blog diventa un buon modo per recuperare quelle domande e farne spunti per articoli utili.

Quali vantaggi porta un blog immobiliare ben fatto

In estrema sintesi, se il blog funziona davvero potrai ottenere una serie di vantaggi importanti in termini di:

  • Autorevolezza (gli utenti trovano facilmente risposta alle loro problematiche con articoli pertinenti e di facile comprensione. Automaticamente aumenta la fiducia nei confronti dell’agenzia che ha redatto i testi)
  • Visibilità (se i testi sono stati redatti con una logica che prevede la loro ottimizzazione sui motori di ricerca, chi cerca delle parole chiave attinenti troverà l’articolo con una certa facilità e se ben scritto considererà la fonte come autorevole)
  • Potenziali clienti (è chiaro che chi ha trovato i tuoi articoli perché visibili e li ha letti ritenendoti in seguito autorevole, potrebbe aver interesse a richiedere in futuro i tuoi servizi, soprattutto se abita in quella zona o è interessato all’acquisto di una casa nel territorio coperto dall’agenzia immobiliare in questione)

Come abbiamo in parte già anticipato, la stesura di un blog immobiliare non può essere fatta in modo approssimativo. È importante che il suo aggiornamento avvenga con una certa costanza, possibilmente con almeno 4-5 contenuti nuovi ogni mese, se non di più (con un buon numero di articoli ben posizionati si riscontrerà un traffico superiore rispetto ai concorrenti). 

È importante, inoltre, che dal blog riesca a trasparire il valore che l’agenzia immobiliare può garantire ai propri clienti, ecco perché, se si vuole ottenere contatti utili attraverso il blog, è opportuno far intendere attraverso gli articoli come l’agenzia gestisce i vari aspetti trattati, puntando anche a sottolineare quegli aspetti che diversificano dagli altri competitor (ad esempio, la redazione di un articolo sui virtual tour 360 gradi può essere utile, soprattutto se è un servizio che propone l’agenzia stessa e che molti concorrenti della zona non hanno ancora).    

E tu? Conosci agenzie immobiliari che hanno impostato un’intelligente strategia per il loro blog?

Questo post contiene link derivanti da sponsorizzazioni o affiliazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *