Come mantenere i capelli sani e curati anche in lunghi viaggi

Piccoli grandi trucchi, tutti sperimentati, per avere capelli belli e sani anche nelle fasi più complesse dei viaggi più lunghi.  

Per oggi, les amies, niente geopolitica! Parliamo di cose serie per davvero, ché senza capelli belli il mondo non lo si può salvare (almeno, io non posso)!
Oggi mi rivolgo a chi, viaggiando, si porta dietro la sua mole di capelli mai tagliati, e dunque a chi tiene ai capelli come si tiene ai fedeli compagni di viaggio e di vita. 

Già tempo addietro ti avevo detto qualcosa in merito alla gestione dei capelli ricci in viaggio, oggi invece vorrei addentrarmi con te nei meandri più complessi della cura (non solo della gestione) dei capelli lunghi, anche durante lunghi viaggi. 

Partiamo con l’allinearci sui fondamentali: 

Quali sono i principali problemi dei capelli lunghi, in viaggio?

  • Non sempre si ha la possibilità di lavarli, soprattutto quando si ha poco tempo tra uno spostamento e l’altro (Io per lavare e asciugare i capelli devo calcolare almeno due ore);
  • Difficoltà nel renderli belli anche quando non si sono potuti lavare o mettere in piega; 
  • Lotta contro il crespo o contro le forme improbabili che i capelli prendono sotto berretti, cappelli o con elastici troppo stretti; 
  • Gestirli anche senza le nostre confortevoli piastre/prodotti di hairstyle, nei viaggi in cui non possiamo portarci tutto dietro.

Errori da non fare e valide alternative

Condividi questi consigli su Pinterest!

Per ovviare ai problemi di cui sopra, spesso facciamo degli errori che, nell’abbaglio di aiutarci a gestire i capelli, in realtà li danneggiano ulteriormente. 
Tra questi, i più comuni sono: 

1. Credere che la coda alta sia sempre la soluzione. 

Ho notato che da un paio di anni la coda alta stretta stretta è tornata di moda. 
Mah… io la guardo e la vivo con sospetto dai tempi delle scuole elementari, quando la maestra riteneva i capelli lunghi poco igienici e mi costringeva a portare code alte strettissime, pena la morte. 

E infatti, povera piccola Sabri, avevo sempre capelli spezzati e radici indebolite e con mia grande frustrazione i capelli crescevano con una lentezza assurda per una bambina in pieno sviluppo. 

Ho trovato conferma di questa mia scoperta empirica della pericolosità delle frequenti code alte anche sul sito di Schwarzkopf, che in merito alla cura dei capelli dà consigli davvero interessanti e utili. 

Per dare ordine a capelli svolazzanti e che magari devono attendere ancora un po’ per il lavaggio, meglio optare per stilosissimi turbanti, fasce, foulard. 

Non solo terranno i capelli lunghi a bada dando un tocco fashion ideale per le foto di Instagram, ma saranno anche una protezione dagli agenti atmosferici (smog, sole troppo forte, vento freddo, secco e umido). 

Alternativa numero 2: in barba alle maestre elementari di altri tempi, diamo spazio al disordine. Io adoro, forse per una mera questione di auto accettazione e superamento di antichi irrisolti, i messy bun e le code/trecce spettinate

Tieni i capelli a bada con una lunga e larga treccia, dalla quale fuoriescono ciuffetti civettuoli e apparentemente senza logica. 

Trecce e code sempre rigorosamente basse sono invece ottime alleate per le tratte in treno e aereo: hanno una tenuta costante, sono meno aggressive alla radice, permettono di poggiare la testa su sedili e schienali. 

2. Eliminare il crespo a tutti i costi: davvero una scelta inevitabile? 

Sabrina_porto di rimini_golden hour
Crespo è bello!

Ve lo dice una riccia di carattere: il crespo non è il padre di tutti i mali. In viaggio, quando ci spostiamo in più posti con diversi livelli di umidità, quando passiamo da treni e aerei, magari anche ostelli molto polverosi, è normale che i capelli assumano un aspetto più disordinato e crespo. 

Ma proprio in queste situazioni di stress, è meglio non abbondare con i prodotti di hairstyle (spume e lacche) che solo all’apparenza danno ordine ma che in realtà non fanno altro che aumentare il livello di secchezza e quindi le future occasioni di crespo. 

Meglio cercare di ammorbidire i capelli con balsami secchi (da usare sui capelli asciutti), con sane spruzzatine di olio di semi di lino e imparare a valorizzare anche le forme improbabili dei capelli crespi, munendoci di fermagli colorati.

3. Lavare troppo spesso: l’errore di chi ha tempo da perdere

solo-trip-to-chile_thins-t-know_dress code

Possiamo acquistare i migliori phon da viaggio che ci permettono di avere un’asciugatura impeccabile e una piega perfetta anche on the run, ma ricorda che lavare i capelli ogni giorno e soprattutto sottoporre quotidianamente i capelli allo stress del phon non fa che aumentare i danni dei quali vivremo le conseguenze sia in viaggio che dopo. 

Cerca di mantenere il più possibile la tua “ritmica” di lavaggio comune, anche se senti i capelli appesantiti o sporchi dopo appena un giorno. 

4. Mai trascurare l’alimentazione 

A poco servono prodotti per capelli e persino gli integratori possono agire in modo limitato se non si segue, nella vita di tutti i giorni, un’alimentazione sana anche per i capelli. 

Tra gli alimenti che ci aiutano a mantenere i capelli sani, ci sono semi, miglio, frutta secca, frutta rossa e “verdure verdi” come spinaci e broccoli.

Sì, ma in viaggio? 

In viaggio è bene bere sempre e tanto, per gli stessi motivi descritti in questo mio vecchio articolo su come essere belle nei viaggi molto freddi

Iniziare e finire la giornata con una tazza di acqua calda, menta e zenzero non è solo una cosa buona ma anche una cosa utile alla lucentezza della pelle e dei capelli. 

E tu, hai capelli lunghi? 
Quale è la cosa più difficile da gestire e quali rimedi (anche illegali) utilizzi? 

3 pensieri riguardo “Come mantenere i capelli sani e curati anche in lunghi viaggi

  • Maggio 18, 2019 in 7:07 am
    Permalink

    Io lego i miei poveri capelli troppo spesso in coda o bun alti. Lo so, è il male, e infatti sto cercando di rimediare con una treccia bassa. Credo di essermi troppo abituata alla praticità e in casa non riesco a stare con il capello sciolto, ma allo stesso tempo non li taglierei mai. Sono un caso disperato?

    Risposta
    • Maggio 19, 2019 in 12:21 pm
      Permalink

      Eh, come poterlo dire? So perfettamente che con un bel taglio corto starei bene, avrei un aspetto molto più giovane e frizzante e sembrerei più alta. Ma niente, soffro con loro e non li mollo.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *