Overbooking e imbarco negato: come chiedere il risarcimento del biglietto aereo

Ti è mai capitato di avere un imbarco aereo negato a causa di overbooking?
Esperienza terribile, vero? Ma… shit happens, e più si viaggia più si è statisticamente esposti a spiacevoli casi di overbooking e imbarco negato.
Quindi meglio essere pronti, conoscere il nemico e sapere come combatterlo o come rimediare.

L’overbooking: significato e come evitarlo

aeroporto_overbooking e imbarco negato
ph. @suganth, unsplash

Comincio subito col dire che l’overbooking aereo è legale. Come le zanzare in campeggio, le meduse urticanti in mare e le file da bollino nero in autostrada.
L’overbooking è adottato per massimizzare i profitti in ogni possibile volo.
So perfettamente che, il fatto che il negato imbarco sia una pratica diffusa tra le compagnie alle quali ci affidiamo, non diminuisce la nostra frustrazione nel veder partire il volo (il nostro), con tutti i passeggeri a bordo, senza di noi.

La logica che sottende la pratica di overbooking e imbarco negato è la seguente:
Ho cento posti disponibili e negli ultimi dieci anni le statistiche mi dicono che per diverse ragioni il 10% dei passeggeri all’ultimo momento ha rinunciato al volo.
Dunque che cosa faccio? Semplice, accetto più prenotazioni di quanto mi consentirebbe il numero di posti totali a bordo dell’aereo.
E la tecnica l’overbooking funziona così spesso che neppure ce ne accorgiamo… o quasi, visto che questo post è dedicato proprio ai quei momenti in cui ce ne accorgiamo eccome e il nostro volo parte senza di noi.
E per questi casi, adesso ti dico come ottenere un risarcimento in caso di overbooking e imbarco negato che ne consegue.

Che cosa posso fare se mi negano l’imbarco in aereo?

È bene sapere che, in caso ti venisse negato l’imbarco per overbooking, come passeggero, hai dei diritti.
Esiste infatti la Carta dei diritti del Passeggero (che a mio avviso è un’appendice della carta universale dei diritti dell’uomo); questa Magna Carta tutela noi viaggiatori aerei con un regolamento apposito anche nel caso di overbooking.
Ti è riconosciuta una compensazione pecuniaria commisurata alla distanza della tua tratta.
Hai diritto all’assistenza in base alla durata della tua attesa, cioè bevande, cibo e hotel.
E puoi decidere tra il riposizionamento su di un volo successivo oppure il risarcimento per il negato imbarco.

C’è da dire che in quest’ultimo caso il percorso attraverso i meandri della burocrazia aerea che riguarda le regole per ottenere un rimborso in caso di overbooking potrebbe rivelarsi tutt’altro che facile.
Per velocizzare le operazioni e sapere con certezza se abbiamo diritto a un risarcimento in caso di negato imbarco potrebbe rivelarsi opportuno affidarsi a siti come AirHelp.

Il servizio gestisce per noi la richiesta di risarcimento in caso di overbooking: basta inviare il codice di prenotazione (il PNR sulla carta di imbarco) al sito di AirHelp. Oppure, per snellire ancora di più la procedura, possiamo affidarci all’app per Android e iOS di AirHelp e scoprire rapidamente in aeroporto se abbiamo diritto al rimborso per il negato imbarco. E questo ci evita di affrontare in stile centravanti di sfondamento gli assistenti di terra ai banchi della compagnia aerea.
Conoscenza è potere!

aereo_overbooking

Compagnie aeree e overbooking

E a questo punto diamo una breve occhiata a quelle pagine che non ci preoccupiamo mai di guardare. Quelle nascoste tra i meandri dei siti web delle compagnie aeree.

In relazione all’overbooking la easyJet afferma con grande trasparenza cheridurre al minimo il numero di posti vuoti è uno dei modi che ci consentono di abbassare il prezzo che i passeggeri pagano per il proprio volo”.
E così il nostro negato imbarco acquista se non altro un senso, in relazione ai più alti imperativi dettati dall’economia.

Molto più scarno il caso di Vueling per l’overbooking, ma la cui politica comunque si rifà al regolamento della Corte Europea in materia di trasporto aereo e diritti dei passeggeri: “Nel caso in cui il passeggero dovesse incorrere in una di queste eventualità, sarà applicabile la normativa in materia, ovvero il Regolamento 261/2004 dell’11 febbraio 2004”. Stesso discorso per il negato imbarco su di un volo Alitalia, visto che la compagnia si rifà alla medesima normativa europea.

Potrà sorprendere (o forse no) il caso di Ryanair che afferma per la gioia di tutti i suoi passeggeri che “come prassi, non pratica l’overbooking, ovvero la prenotazione di passeggeri in numero superiore ai posti disponibili”.

Potrebbe interessarti anche questo articolo sui
10 modi per viaggiare comodi e rilassati in aereo 

Come evitare l’overbooking

aereo imbarco_overbooking_imbarco negato

Ci sono categorie di passeggeri più suscettibili di altre ad essere tra le vittime designate di un overbooking. Abbiamo comunque visto come ottenere un risarcimento in caso di negato accesso all’imbarco, ma vale comunque la pena vedere se rientri tra i possibili canditati di un overbooking.

I viaggiatori in classe economica sono quelli che hanno più probabilità; a loro si aggiungono quelli che hanno scelto poche volte la compagnia aerea in questione, tutti coloro che non hanno carte fedeltà e i ritardatari al check-in.
(in aeroporto come nella vita, se non sei tre minuti in anticipo… sei già in ritardo)

Come prevenire l’overbooking

Il check-in online è la soluzione perfetta per proteggersi da un eventuale overbooking. Alcuni siti consigliano anche di scegliere i voli del mattino presto. Questo perché meno suscettibili di avere arretrati per voli in ritardo o cancellati. Arrivare prima è buona pratica per evitare di vedersi negare l’accesso al volo.
E infine le tessere e i programmi frequent flyer che servono non solo ad ottenere punti e sconti, ma anche ad evitare brutte sorprese in fase di imbarco. Come l’overbooking per l’appunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *