Come creare da zero il tuo guardaroba capsulare

read it in English

Amiche e amici che vivete con una valigia ai piedi del letto perché “non si sa mai”, fanatici del bagaglio leggero non solo in aereo ma nella vita, vestali dell’idea secondo cui si può avere molto stile anche senza il guardaroba della Ferragni, oggi parliamo di un argomento a noi molto caro: il guardaroba capsulare

Vi avevo già dato qualche piccola indicazione su che cosa sia, ma vi rinfresco la memoria: 

guardaroba a vista_nomade digitale

“Capsule wardrobe è un insieme di capi essenziali che tendenzialmente non escono mai di moda e abbastanza versatili stagionalmente, con piccole aggiunte e varianti all’occorrenza (ad esempio, una camicetta di seta bianca, cui si aggiunge un cardigan di lana o di cotone a seconda della stagione).
Il termine fu coniato da un’americana, tale Susie Faux, che negli anni Settanta lavorava nel campo della vendita di abbigliamento al dettaglio”.

Che cosa contiene il guardaroba capsulare “classico”?

Ci sono dei dettami numerici in merito a quanti capi debba contenere un guardaroba capsulare, ma ti dico subito che in questo post li metteremo in discussione e ne ricreeremo altri sulla base delle tue preferenze, gusti e del tuo modo di stare al mondo. 
Tuttavia, per cultura generale, è bene sapere che le teorie più intransigenti dicono che un guardaroba capsulare DEVE contenere:

– un tubino nero, 
– una camicia bianca sagomata, 
– un blazer nero,
– 4 t-shirt in vari colori neutri, 
– 2 top più particolari, ma sempre in colori neutri, un maglione in cashmere di un colore neutro,
– un paio di jeans comodi e semplici, 
– un pantalone nero classico, 
– un vestito da giorno casual, 
– una gonna sobria, 
– un trench, 
– ballerine o scarpa bassa a tuo piacimento, e décolleté con tacco alto.

Ora, di certo si tratta di capi versatili ma anche terribilmente noiosi e impersonali e se tutte noi viaggiatrici capsulari dovessimo decidere di seguire questi consigli… saremmo un esercito di anime raminghe prese in trappola da un tailleur grigio fumo (cit.). 
Tanto varrebbe fare come Salvini e farci dare le divise da polizia e vigili del fuoco per evitare il dramma del “Uggesù, che cosa mi metto oggi?”. 

Ad esempio, io con il nero e i colori neutri, a meno che non si tratti di un abito da cocktail, faccio un terribile effetto vedova-di-mafia-degli-anni-trenta e non indosserei le T-shirt girocollo neanche se mi venissero tatuate addosso, preferendo i ben più pratici e caldi body. 

Eppure sono “capsulare” da diversi anni. 

Riscrivere le regole del capsule:
creare il guardaroba capsulare più adatto a te

Soprattutto per chi viaggia spesso e si trova in poche ore a dover gestire, lontano dal proprio armadio, un tè con amici del posto, una passeggiata al freddo, l’ingresso in un ristorante con 40 gradi di condizionatori sparati a palla o, al contrario in estate, in uno Starbuck’s di NYC con i pinguini dietro il bancone, le regole del capsule riguardano la versatilità e la praticità, non certo le tinte spente e i modelli uniformi. 

Ma può essere pratico e versatile anche un guardaroba capsulare pieno di brio e della tua bellissima personalità. 

La prima cosa da fare per creare il tuo guardaroba capsulare è:

Acquista prodotti di qualità, con tessuti buoni e durevoli. 

Questa regola serve per far sì che i molteplici usi, attraverso due o tre stagioni, non li facciano rovinare ben presto. Se approfitti dei saldi e delle occasioni di Upim (www.upim.com) puoi trovare ad esempio, molti capi classici ma con dettagli molto originali, dai colori più disparati, e dai tessuti di ottima qualità fatti per durare nel tempo. 

Prediligi materie sottili ma termicamente confortevoli (maglina, cotone, lanetta, cashmere) di modo da poter alternare e combinare più strati senza intozzirti troppo.

How to bring old clothes back to life
E chi lo ha detto che una gonna da bagaglio capsulare debba essere per forza “classica”? Ecco a voi la mia gonna preferita, viaggia con me da 20 anni e non è mai fuori luogo. Mi rappresenta!

Scegli i colori e modelli che ti stanno bene.

Questo punto è molto importante: il guardaroba capsulare ideale e adatto a te segue poco la moda e i suoi psicodrammi.

Prima di chiederti se quest’anno va o meno di moda il leopardato, chiediti se tu, una volta finito il tormentone dell’animalier, te lo vedrai ancora bene addosso. 
Non è una cosa facile: per creare il tuo guardaroba capsulare ideale devi fare un lavoro su te stessa chiedendoti quali colori valorizzano il tuo incarnato, quale tipo di scollature ti piacciono, devi chiederti quali parti del tuo corpo ami di più e vuoi mettere sempre in bella mostra indipendentemente dal modello di moda in questa o quella passerella di Dolce e Gabbana. E con quali scarpe sai camminare meglio e trovi più comode, mantenendo disinvoltura ed eleganza. 
In pratica devi giocare a fare la modella di te stessa, concentrarti su di te e non su quello che vedi sulle riviste di settore. 

Il guardaroba capsulare “standard” prevede un tubino nero ma, ad esempio, tu non ami i tubini? Allora sappi che un abitino svasato e sbarazzino verde bottiglia andrà benissimo, come un vestito lungo boho chic, che potrai tranquillamente sfoggiare quando il clima è tiepido ma anche abbinarlo ad un cardigan lungo e giallo canarino quando il freddo busserà alla tua camera di hotel. 

Leggi anche la mia guida su come vestirsi (bene) a strati

Cardigan a collo alto. Un po’ cardigan, un po’ cappotto, un po mantella

Facciamo un esempio con i jeans. Molti li considerano pratici, ma lo sappiamo tutte che sono caldi in estate e freddi in inverno quindi sappi che se li sostituisci con qualche paio di leggings anche colorati, saranno sportivi sotto un maglione ma eleganti con un blazer e una camicia sblusata.

Prova pratica: stravolgi la regola e crea il tuo guardaroba capsulare

Dopo questi aspetti un po’ teorici e un po’ filosofici, veniamo all’esercitazione pratica che ti porterà a creare il tuo guardaroba capsulare personale. 

Prendi l’elenco su riportato, al primo paragrafo, del guardaroba capsulare classico. 

Dunque, sostituisci tutti i capi neutri e classici con capi che tu ami indossare (tipo vestito largo al posto del tubino, corpetti in pelle al posto della t-shirt, leggings al posto del pantalone classico ecc.).

Dunque prova ad abbinare tutto tenendo conto di tutte le possibili combinazioni. 
Quante ne sono venute fuori? 

Come creare da zero il tuo personale guardaroba capsulare
Condividi questo post anche su Pinterest! Grazie!

Questo post contiene link nati da collaborazioni o sponsorizzazioni.
Come sempre inserisco nei miei post solo link in linea con gli argomenti e che reputo possano essere utili per i miei lettori e lettrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *