#5 (altri) modi per non farsi uccidere da settembre

Amo settembre, a seconda degli anni. Quando sono soddisfatta della mia vita, mi fa star bene più di ogni altro mese. Quando sto bene e voglio cambiare qualcosa, mi dà adrenalina. Gli anni in cui vorrei radere tutto al suolo, mi devasta.

So che tutti legano una propria fenomenologia percettiva al nono mese. Ecco altri 5 consigli su come non farsene abbattere.

1- ignorare le offerte e gli sconti per le iscrizioni in palestra. Ne riceverai a migliaia, via mail, posta ordinaria e via Social network. Rispondi a tutti urlando ‘non mi avrete mai!’.

62-675x355

2- per una settimana, evita di accendere la radio per non sentire When September ends dei Green Day. Esperimento da ripetere a Novembre per non imbattersi in Giusy Ferreri.

3- non riprendere con le attività extra lavorative che solo tre mesi fa non vedevi l’ora di interrompere per un po’. Dalla palestra di cui sopra, allo yoga, al decoupage, al volontariato, al catechismo alla messa domenicale ecc. Se non ti è mancato un motivo da qualche parte ci sarà. Un modo per riempire il tempo lo troverai al momento giusto.

foto (5)

4- prenota un volo seguendo queste indicazioni

5 – compra un rimmel e un rossetto e un paio di scarpe basse.

Various makeup products on dark black background with copyspace

6 – leggi questo articolo sul Missing Anywhere Disease e fatti una risata

ps. Va bene, va bene, fenomenologia percettiva non vuol dire una benemerita, ma mi piace ok?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *