Lavori (belli e interessanti) per italiani in Canada

Vuoi provare a trovare il tuo sbocco lavorativo in Canada? Ecco alcune idee per te e diversi link molto utili. 

Da un po’ di tempo e per molte persone, il Sogno Americano non è più il sogno degli Stati Uniti.
Da ben prima dell’avvento di Trump il Canada e il suo livello alto di civiltà, la vita pacifica, i diritti civili, la bassa criminalità… e adesso anche la figaggine del primo ministro, hanno aumentato il livello  di fascinazione esotica esercitata su chi ama le esperienze lontano da casa.

lavori belli e interessanti per italiano in canada

Prima di indicarti un elenco di lavori che potresti fare in Canada se sei italiana o se parli bene l’italiano (con tanto di link ad aziende che cercano i profili indicati), partiamo con due raccomandazioni e info utili per te:

  • devi avere un buon livello di inglese; se ancora non lo hai, impegnati in Italia o cerca un buon corso direttamente in Canada, se hai soldi da investire nei primi mesi.
  • Se vai nel Quebec, è fortemente consigliato anche il Francese perché è la lingua ufficiale che tutti parlano ed è difficile trovare un lavoro interessante senza parlarlo.
  • Per andare in Canada, dal marzo 2016 è necessario avere l’eTA, cioè la electronic Travel Authorization. Questa è, per i cittadini provenienti da molti paesi, compresa l’Italia, un sostitutivo del visto da richiedere in Ambasciata.

Puoi ottenere facilmente l’eTA attraverso l’agenzia Canada eTA, che ti fornirà tutta l’assistenza necessaria per il tuo eTA prima di partire e che sul suo sito fornisce info su tutte le procedure necessarie per entrare nel Paese.

E adesso veniamo a quello che di bello e di buoni puoi fare nel Paese dell’Acero.

Lavori linguistici 

Partiamo dalle lingue e dalle possibilità per chi le conosce (semplicemente perché da linguista ho più sotto mano tutte le possibilità in questo settore).
In Canada ci sono diverse agenzie di traduzioni e interpretariato che hanno bisogno di risorse part time e full time, da remoto e in ufficio.
Spesso con loro è possibile partire lavorando da remoto (cioè con il proprio computer, da casa) e poi passare ad essere risorsa interna con diverso contratto. Il mio consiglio, è quello di
– cercare on line le agenzie di traduzione con sede vicina alla città in cui hai scelto di andare
– scrivere all’ufficio risorse umane e chiedere un appuntamento
– andare di persona e portare il CV brevi manu.
So che siamo nell’epoca digitale e ci piace fare tutto dal divano di casa (io che dal divano di casa ci lavoro ne so qualcosa) ma, credimi, la visita in presenza e mostrare oltre al tuo CV tutta la tua bellezza di persona intera è sempre un forte fattore di vantaggio.

Al momento, so che una società di traduzioni svizzera cerca personale da inserire nell’organico della sua sede a Vancouver. Nello specifico, cercano proof-reader di lingua italiana. Leggi l’annuncio.

Assistenza clienti 

cercasi italiani in canada assistenza clienti

L’assistenza clienti è un terreno molto vasto in cui operare. Le compagnie aeree sono sempre un buon punto di partenza per quanto, diciamolo, sono spesso i settori in cui l’assistenza clienti è più complessa e comprende mansioni più varie.

Da qualche giorno Air Canada è alla ricerca di assistenti alla clientela che possano fornire servizio part-time e/o full time in aeroporto, a 14 dollari l’ora.
L’inglese è fondamentale e poi serve un’altra lingue tra: italiano, giapponese, coreano, cantonese, mandarino, spagnolo, tedesco, arabo, ebraico, portoghese, turco, greco, danese, olandese. Scopri di più sull’annuncio e su come candidarti. 

Chef e/o aiuto cuoco  

lavorare come chef italiano in canada

Se hai esperienze nel mondo dell’enogastronomia, se hai lavorato come cuoco o aiuto cuoco in Italia o hai delle qualifiche in questo settore (in Italia al momento gettonassimo), prova a proporti in un ristorante italiano in Canada (prediligendo all’inizio le città più piccole, con meno concorrenza).

La tua italianità, oltre che le tue competenze, saranno un valore aggiunto. Qui un annuncio in cui si ricercano chef italiani a Toronto, per un salario di 40.000 dollari l’anno.

Sommelier

lavorare come sommelier in canada
ph. Daniele Notaro, campagna vino Simpotica, Cantine Severino Garofano

Tutto il settore dell’enogastronomia in Canada è in crescita.
In particolare c’è molto interesse per l’enogastronomia e la cultura del vino vissuta “all’europea”, e ci sono in tutto il paese sempre più corsi di avvicinamento al vino tenuti da esperti provenienti dal vecchio continente e, che te lo dico a fare?, dall’Italia.
Se sei una (o un) sommelier, potresti proporti per condurre dei corsi in ristoranti italiani. Prepara una proposta, un “pacchetto” e portalo di persona presentandoti al meglio di te nelle strutture che riterrai idonee.
Poi fatti dare un biglietto da visita (e lascia il tuo) e spedisci CV e proposta alla direzione.

Guida e assistenza in museo

guida mussale italiana canada

Per chi ha una laurea o una qualifica che riguardi il mondo della cultura museale e archivistica e che ovviamente parla correttamente le lingue del posto di destinazione (inglese e/o francese nel nostro caso), proporsi come guida o per l’assistenza ai clienti nei musei a maggior flusso turistico può essere una buona tattica.
Il procedimento che ti consiglio è sempre lo stesso: magari se non vuoi/puoi andare di persona invia una video presentazione e un video CV.

lavoro per italiani a toronto

Ora, so che a questo punto qualcuno potrebbe pensare che sto volando un po’ troppo alto e che se si va in Canada a cercare lavoro forse bisogna partire dalle fattorie per fare bassa manovalanza o puntare al lavapiatti.
Non sono d’accordo. O meglio, ci sono fasi e fasi.
Se hai 18 anni, hai appena finito il liceo e vuoi un gap year per accumulare esperienza e farti le ossa sì, hai ragione, meglio volare basso.
Ma se hai già delle qualifiche e delle esperienze interessanti sappi che il Canada, come molti altri paesi, è in grado di riconoscere il tuo valore e trarne vantaggio.
Se osi (osi metterci la faccia presentandoti bene e di persona, se osi darti un valore e darti un prezzo, se osi credere in te stessa, se osi non metterti in un angolo) vedrai buoni risultati.

E non solo in Canada.

 

 

 

 

(Visited 1.316 times, 2 visits today)

10 pensieri riguardo “Lavori (belli e interessanti) per italiani in Canada

  • marzo 16, 2018 in 10:13 pm
    Permalink

    Buonasera e complimenti per l’articolo molto interessante e esplicativo. Ho appena ottenuto il visto IEC e parto a fine aprile per Toronto o Vancouver. Premetto che ho 30 anni, un ottima conoscenza dell’inglese grazie a laurea ed esperienza all’estero e lavoro da 4/5 anni nella ristorazione (bar e sala). Volevo da Lei sapere se è obiettivamente abbastanza facile trovare lavoro nell’hospitality, se ci sono dei siti specifici (conosco solo Craiglist e Indeed), se è meglio fare un giro di consegna dei cv di persona nei ristoranti e se, solo ed esclusivamente dal punto di vista lavorativo, che città scegliere. Grazie

    Risposta
  • febbraio 12, 2018 in 4:29 pm
    Permalink

    Veramente interessante come articolo. Pure io sogno l’America, ma ho visto che il Canada offre moltissime opportunità. Sono uno studente universitario in Mediazione Linguistica e Culturale e dopo essermi informato sul Canada mi piacerebbe trasferirmi dopo la laurea e poter lavorare con le lingue utilizzando pure l’italiano. Mi piacerebbe avere informazioni più dettagliate per quanto riguarda i lavori in ambito umanistico. Sapete inoltre darmi qualche consiglio su come sarebbe possibile diventare insegnante di Italiano nelle scuole superiori?

    Risposta
    • febbraio 12, 2018 in 7:49 pm
      Permalink

      Tanto per cominciare ti consiglio di metterti in contatto già da ora con la rete di istituti di cultura italiana in Canada. Rispondono alle email, danno consigli senza chiedere nulla in cambio. qui trovi qualche info. http://bit.ly/2EYfpLt
      PS. puoi anche fare la tesi di laurea su un argomento che coinvolga la cultura canadese, chiedendo così aiuto a loro. è un buon contatto di partenza

      Risposta
  • febbraio 11, 2018 in 4:54 pm
    Permalink

    vorrei veramente andare a vivere a Toronto, ma avendo ormai 27 anni, ed avendo già vissuto in altri paesi come Londra e Madrid, sono stanca di fare la classica “esperienza”.
    La mia più grande paura è che dopo aver ottenuto il visto come international experience e quindi aver passato 1 anno in Canada non riesca a fare un visto di lavoro( anche temporaneo)( pare sia difficile) e venga rispedita a casa.

    Avete consigli??

    Grazie mille

    Risposta
    • febbraio 12, 2018 in 7:44 pm
      Permalink

      Ciao Mariachiara. Posso chiederti in che settore ti piacerebbe lavorare e in che ambiti hai fatto esperienze di lavoro all’estero? Se c’è una base di competenze linguistiche interessanti e versatilità nel CV o, ancora meglio, specializzazione in qualche area, puoi aspirare a qualcosa di più della “receptionist” in hotel o la barista

      Risposta
  • marzo 13, 2017 in 10:30 am
    Permalink

    Io conoscevo una ragazza italiana che ha rischiato e se ne andata con la sua amica per esperienza e lavoro proprio in Canada. Hanno lavorato come aiutanti cuoco circa per un anno, guadagnavano pure bene ma poi sono tornate in Italia perché le mancava la famiglia e amici.

    Risposta
  • marzo 10, 2017 in 9:55 pm
    Permalink

    Io sogno l’America ma so che, soprattutto in questo periodo politico me la posso anche sognare….! 🙁 il Canada sarebbe anche figo se non ci fossero 40 gradi sotto zero d’inverno ed io sogno un paese con 30 gradi tutti i giorni!! 🙂

    Risposta
  • marzo 5, 2017 in 3:58 pm
    Permalink

    Interessante quest’articolo, sarebbe una buona guida per cercare i lavori più interessanti in questo Paese. Comunque, sono d’accordo che bisogna prima “volare basso” per poter accedere in qualsiasi posto di lavoro importante. Purtroppo, però la maggior parte degli italiani non la pensa in questo modo e non si ribassa a fare un certo tipo d’impiego. In questo caso, occorre avere un po’ di umiltà e capire che non sempre si può avere “la strada spianata”.

    Risposta
    • marzo 6, 2017 in 6:08 pm
      Permalink

      Verissimo Katia, come è vero che è importante però anche darsi il giusto valore e saper dare il giusto prezzo alle proprie competenze già acquisite.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *