Estate sulle montagne: le acque e le meraviglie del Trentino  

Ebbene, non ho sempre e solo trascorso le mie estati nel mio Salento. Non ho solo cercato l’estate a dicembre correndo sulle coste australiane.

Mi sono anche fatta conquistare dalle montagne del nord a me più prossimo.

Dopo le mie prime due settimane in Trentino in estate mi sono così tanto innamorata della montagna (ma montagna montagna, proprio montagnissima) da tornare ance l’anno successivo.

Il verde per passeggiare, il fresco della sera, il cielo pieno di stelle nelle notti sui sentieri boschivi e i fiumi e laghi freddi che ti fanno ringiovanire quasi allo stato pre embrionale hanno fatto il miracolo.

Perché, lo dico chiaramente, per me in estate le distese di acqua sono davvero indispensabili! E quelle del Trentino riusciranno a rinfrescarti la mente per il resto dell’anno. Forse della vita.

Quindi oggi ti vorrei indicare 3 luoghi del Trentino che ho avuto la possibilità di conoscere e anche diverse soluzioni per viverti la tua (prima?) vacanza estiva in montagna.

Val di Fassa 

Val di Fassa
Val di Fassa

La mia prima esperienza di trekking, diciamolo, non è stata proprio adatta al mio essere, allora, una dilettante.

Quindi fate bene attenzione a scegliere i vostri percorsi in val di Fassa: se sulla mappa che recupererai al centro informazioni o nel tuo camping c’è scritto “sentiero facile”, vuol dire che è facile non perdersi, che troverai indicazioni per non smarrirti. Non vuol dire che la pendenza è adatta alle ginocchia di chi non è allenato.
Consigli da nonna Abelarda a parte, questo è il posto migliore per innamorarsi del trekking.

Andalo e le Dolomiti di Brenta: fai un tuffo nel miglior lago d’Italia

lago di molveno
lago di molveno

In Trentino non si paventano certo solo le ipotesi della vacanza super attiva, è possibile anche rilassarsi.
Ma data la bellezza dei luoghi, che vanno non solo visti ma anche respirati, io consiglio per i più contemplativi di unire la parte active alla parte più relax, magari concedendosi un soggiorno in un posto come l’hotel Dolce Vita, ad Andalo.

Comprensivo di centro benessere, piscine e beauty farm  e spazio acquatico (piscine e saune) all’interno dell’Andalo Life Park, questo è un ottimo luogo per unire le esigenze di contemplative donne d’azione, dal momento che la bellissima area di Andalo adatta a tutti gli sport di montagna.


Mi ripeto, se vieni in Trentino non trascurare il privilegio di un contatto con le sue acque, ad esempio quelle del lago di Molveno che è stato insignito per molti anni di seguito delle 5 vele di Legambiente, il massimo riconoscimento per la qualità delle acque ed è stato nominato per tre anni consecutivi il miglior lago d’Italia.

Storia, arte, passeggiate e danze… macabre

Dettaglio de La danza macabra, Pinzolo
Dettaglio de La danza macabra, Pinzolo

Puoi fare passeggiate non troppo impegnative sul piano fisico ma rigeneranti per la circolazione e per lo spirito a Pinzolo. Tra verde e casette, chiese antiche e una in particolare da osservare e studiare per un bel po’.

La chiesa di San Vigilio è un’antica chiesetta anteriore al mille. È celebre per gli artistici altari, per gli affreschi interni e soprattutto per “La Danza Macabra”, l’affresco esterno posto sulla facciata Sud. Scheletri, uomini, santi e persino Gesù, tutti insieme, ballano a ricordarci, sulle parole del  poema Io sont la Morte, che porto corona, sonte signora, de ognia persona, che tutto può essere una danza, anche l’attesa della fine. Almeno, io l’ho intesa così… 😉

Un affresco bellissimo! E ora più che mai posso dire che preferisco la (danza della) morte all’ascolto di Pasito Pasito in spiaggia a Gallipoli in estate.

Parlami delle tue esperienze in montagna e in particolare in Trentino nei commenti e aiutami a trovare altri interessanti itinerari.

 

 

It's only fair to share...Share on FacebookDigg thisShare on StumbleUponEmail this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Reddit

2 pensieri riguardo “Estate sulle montagne: le acque e le meraviglie del Trentino  

  • agosto 9, 2017 in 9:08 am
    Permalink

    L’ultima volta che ho messo piede in Trentino è stato nel 2012 a Marilleva. Avevamo bisogno di rilassarci e abbiamo optato (cosa più una che rara) per un villaggio All Inclusive. Cemento ovunque purtroppo, ma quello che ricordo con tanta emozione è il profumo del bosco che stava a due passi dall’Hotel, la freschezza dell’acqua dei ruscelli che ci circondavano e tanti fiori. Profumo di montagna e di natura! Mi piacerebbe proprio tornarci 🙂

    Risposta
    • agosto 9, 2017 in 9:09 am
      Permalink

      Guarda, per me che sono del Sud non solo di natali ma proprio di carattere, l’esperienza trentina è stata bellissima! Come immergermi in un mondo fatto di sensazioni fisiche inedite per me!

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *